Borghi medievali Luoghi da vedere Setteponti

Il Borro delle meraviglie

Scritto da Sandro Fabrizi
A San Giustino Valdarno, lungo la strada dei Setteponti c’è una deviazione che conduce ad una località molto caratteristica da farla sembrare quasi magica: è il Borro arroccato su uno sperone di roccia e circondato da strapiombi naturali, le sue origini risalgono al lontano 1039 e grazie  alla sua particolare collocazione non ha subito rilevanti trasformazioni nel tempo ed è arrivato fino ai giorni nostri conservando la sua peculiarità messa poi in risalto dagli attenti lavori di restauro della famiglia Ferragamo attuale proprietaria; già dalla discesa che conduce al suo ingresso, uno splendido scorcio anticipa quello che andrò a raccontare.
Il camminamento è rimasto lastricato in pietra com’era una volta, impreziosito da ornamenti floreali che nel periodo primaverile esplodono di colori e profumi ma anche nella stagione più fredda si possono apprezzare suggestive meraviglie della natura come ad esempio nelle mattine nebbiose quando i tetti sembrano sospesi sopra la foschia che avvolge il suo canyon.

Il percorso in salita aumenta la sensazione di scoperta passando tra piccoli negozi artigiani mentre i bambini rimangono affascinati dalle botteghe animate in miniatura e dalla ricostruzione della favola di pinocchio fatta dentro particolari box tutti meccanizzati nei quali sono raffigurate le scene principali; a fianco c’è anche una riproduzione in legno di tutto il paese.

Dopo aver percorso tutto il perimetro esterno, nella zona più centrale mi piace vagare tra gli stretti vicoli che conducono fino alla minuscola piazza dove un piccolo loggiato mi anticipa un’altra esclusiva di questo antico borgo:
 il presepe, che affascina da sempre grandi e piccini, visitabile tutto l’anno ma nel mese di Dicembre e durante le feste di Natale riesce davvero a trasmettere un’atmosfera particolare.
All’uscita merita una visita anche la piccola chiesa di fianco, ben conservata con esposto una copia della Sacra Sindone.
La mia visita termina con una sosta nella Corte, il centro benessere all’ingresso del paese dove un’esclusiva piscina esterna promette di regalare piacevoli sensazioni al corpo ed alla mente nella cornice di un invidiabile panorama.

About the author

Sandro Fabrizi

Lavoro nel settore turistico dal 1990. Mi piace raccontare quella parte di Toscana in cui vivo da sempre: il Valdarno Superiore, se vi va lasciatevi ispirare.

6 Comments

Lascia un Commento

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato su cosa vedere nel Valdarno e d'intorni
Nome
Email
Secure and Spam free...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi