Balze del Valdarno La valle dell'Arno Luoghi da vedere

Dove vedere i paesaggi di Leonardo

Scritto da Sandro Fabrizi
 Un’idea originale per fare una gita fuori porta nel cuore della Toscana è andare a vedere dal vivo dove si trovano i paesaggi di Leonardo da Vinci raffigurati in molti suoi dipinti tra cui la Gioconda.
La zona interessata è il Valdarno Superiore, la valle dell’Arno tra Firenze ed Arezzo che il Genio studiò dettagliatamente (come testimoniano i suoi manoscritti) e ne rimase affascinato per la sua origine lacustre, da cui tra l’altro è derivato lo strano fenomeno naturale delle balze.
Nell’itinerario suggerito è possibile vedere:
  1. scorci spettacolari sulle Balze del Valdarno,
  2.  la conca del Valdarno dall’alto,
  3. Il ponte della Gioconda secondo due diverse ipotesi,
  4. La riserva naturale di Bandella e Valle dell’Inferno,
  5. Il panorama alla spalle della Gioconda, come lo avrebbe visto Leonardo da Vinci.
Qui sotto la mappa del percorso.

 

La partenza è dal casello di Valdarno (punto A della mappa).
  • Usciti dall’autostrada seguite le indicazioni per San Giovanni Valdarno, quindi Castelfranco di Sopra, ma prima di fare la salita che conduce al borgo si iniziano già a vedere scorci delle Balze del Valdarno che potete ammirare da vicino dopo aver fatto una breve deviazione sulla destra in località Botriolo (punto B). Qui ci sono le famose balze dell’acqua zolfina.
  • Proseguite il percorso fino a Castelfranco di Sopra e quindi a Piantravigne dove all’ingresso del borgo (punto C) si può vedere il paesaggio delle balze dall’alto con una visuale molto spettacolare.
Le balze della Toscana
  • Riprendete la strada dei Setteponti in direzione Arezzo e subito dopo seguite la deviazione sulla sinistra per Querceto ed Odina. La strada sale per circa 3 km e da lassù è possibile ammirare tutta la conca del Valdarno dall’alto (punto D), come probabilmente l’avrà vista Leonardo nei suoi viaggi da Firenze alla Val di Chiana tra il 1502 ed il 1503. Erano gli anni in cui iniziò a dipingere la Gioconda.
    Panorama sulle Balze del Valdarno

Tornate ancora sulla strada dei Setteponti e proseguite fino a Malva, quindi scendete a Persignano e nella Strada delle Cave, che taglia in due l’area protetta delle Balze del Valdarno.

  • La meta successiva è la Riserva Naturale di Bandella e Valle dell’Inferno (punto E), il tratto più bello dell’Arno, da apprezzare specialmente nella bella stagione quando è anche possibile visitare l’Oasi di Bandella in barca.
    Oasi di Toscana
  • Ai margini dell’Oasi di Bandella, nei pressi del ponte del Romito, si trova ancora un’arcata del Ponte di Valle (punto F) che secondo un attento studio dell’Associazione Culturale “La Rocca” di Laterina sarebbe il ponte raffigurato da Leonardo da Vinci nel paesaggio della Gioconda.
    Ponte di Valle a Laterina
  • A breve distanza da qui c’è il Castello medioevale di Laterina (punto E) che sempre secondo la stessa ipotesi, si affaccia proprio sul paesaggio raffigurato da Leonardo alle spalle della Monna Lisa.
  • L’ultima tappa del percorso è Ponte a Buriano (punto G),  un capolavoro di architettura romanica che per fortuna è stato risparmiato dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale ed è giunto ai giorni nostri. Per molti ancora oggi è il vero ponte della Gioconda.
    Il ponte della Gioconda
Booking.com

About the author

Sandro Fabrizi

Lavoro nel settore turistico da più di 25 anni. Mi piace raccontare quella parte di Toscana in cui vivo da sempre: il Valdarno Superiore, se vi va lasciatevi ispirare.

Lascia un Commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi