La valle dell'Arno Luoghi da vedere

La Garzaia di Figline Valdarno

Scritto da Sandro Fabrizi
 Gli argini dell’Arno che collegano Figline Valdarno a San Giovanni lungo la riva destra del fiume presentano una pista ciclabile su ghiaia che consente di fare belle passeggiate a piedi o in bicicletta lontano dal traffico.
Lago artificiale di Toscana
Ai bordi della strada bianca, in una superficie di circa 4 ettari sono stati ricavati negli anni ’80 una serie di piccoli laghi artificiali che servivano per il lavaggio degli inerti. All’interno di quest’area si trova la Garzaia di Figline Valdarno.
Ci si può arrivare anche in macchina dalla statale 69 deviando per la strada interna che dalla località Carresi conduce alla stazione di servizio per le auto a metano.
Ecco qui la mappa per orientarsi meglio:

Che cos’è la Garzaia di Figline Valdarno

La Garzaia è una zona umida ed assai rigogliosa di piante da farla sembrare una piccola foresta in cui nidificano varie specie di aironi protetti tra cui la garzetta, la nitticora e l’airone bianco; il nome deriva dal richiamo chiassoso dei vari esemplari che la popolano come per scoraggiare eventuali intrusioni di altri animali.

Aironi di Toscana
 Dal 20 Febbraio 1995 è stata istituita Area Protetta e riconosciuta come  Zona di Protezione Speciale (ZPS) lungo le Rotte di Migrazione dell’avifauna e all’interno sono stati censiti 250 nidi di nitticore pari al 27% di quelli dell’intera Regione Toscana, quindi un dato molto rilevante. Per apprezzare meglio questo spettacolo naturalistico ho partecipato ad un escursione guidata in cui ho potuto visitare alcuni dei laghi artificiali e vedere qualche esemplare di airone.
Aironi alla Garzaia di Figline Valdarno
La vera e propria Garzaia copre un’area di circa 1 ettaro e mezzo e si trova nel tratto di argini che vanno dalla località Carresi fino a Restone.
E’ delimitata da canneti, alte piante di pioppo bianco, salice bianco e sambuco che ricordano molto l’isola d’Arno che c’è nell’Oasi di Bandella, talvolta alcune di esse si trovano distese sulle sponde in quanto il terreno paludoso ne compromette la loro stabilità.

Aree Protette di Toscana

Quando visitarla

Il periodo migliore per visitare quest’area protetta è a fine primavera dove l’elevato numero di uccelli presenti la rendono particolarmente chiassosa e se visitata in piccoli gruppi in silenzio si può cogliere tutto il suo fascino, ma anche in autunno, quando la vegetazione è meno rigogliosa, con un binocolo si possono riconoscere le varie nidificazioni sugli alberi.

Camminate in Valdarno

About the author

Sandro Fabrizi

Mi piace raccontare quella parte di Toscana in cui vivo da sempre: il Valdarno Superiore, se vi va lasciatevi ispirare.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi