Balze del Valdarno Borghi medievali Luoghi da vedere Setteponti

Il piccolo borgo di Montemarciano

Scritto da Sandro Fabrizi
A circa due chilometri da Loro Ciuffenna  (Ar) si trova la deviazione che conduce al piccolo borgo di Montemarciano. Situato nel comune di Terranuova Bracciolini (Ar) e distante appena quattrocento metri dalla Chiesa della Madonna delle Grazie che si trova sulla strada dei Setteponti.
L’entrata nel borgo è segnata dalla Porta Campana. Un antica porta medioevale ancora integra che nel XIII secolo proteggeva questo piccolo castello, racchiuso su uno sperone di roccia sopra il fantastico paesaggio delle Balze del Valdarno. Montemarciano infatti è anche il punto di partenza di tante escursioni nella famosa Buca delle Fate.
Il lato interno della Porta Campana presenta ancora le scale che conducono a quello che era il camminamento di ronda. Da qui si ha una bella visuale sulla via maestra che fu costruita solo nel 1918 per scendere fino Strada delle Cave. In precedenza invece ci si arrivava attraverso un’altra porta di accesso, chiamata Arco Etrusco, e collocata nella zona sud del borgo.
Nel medioevo Montemarciano era famoso anche per i suoi due ospedali per i pellegrini che transitavano sulla Cassia Vetus. Nel XIV secolo questa antica istituzione fu trasferita al villaggio di Renacci, nel comune di San Giovanni Valdarno (Ar)

Entrare in questo piccolo borgo si ha come la sensazione che la vita scorra più lentamente. Nella bella stagione i balconi adornati di fiori regalano al visitatore un’atmosfera d’altri tempi, arricchita dai graziosi scorci sui vicoli.

Le feste a Montemarciano

Due volte all’anno Montemarciano si veste a festa in occasione delle sagre paesane. La prima nella seconda domenica di Maggio, in quella che anticamente era la celebrazione di San Michele Arcangelo (oggi trasformata nella sagra dei baccelli).  La seconda a metà ottobre nella festa d’Autunno dove si possono gustare castagne e marroni dei boschi del Pratomagno.

About the author

Sandro Fabrizi

Mi piace raccontare quella parte di Toscana in cui vivo da sempre: il Valdarno Superiore, se vi va lasciatevi ispirare.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi