La valle dell'Arno Luoghi da vedere Pratomagno

Il “non plus ultra” nel Castello di Sammezzano

Scritto da Sandro Fabrizi
 Dopo aver passeggiato nel bellissimo Parco di Sammezzano vi racconto la mia visita all’interno del Castello.
Sono entrato accompagnato da un mio caro amico che da ragazzino, quando la struttura era ancora funzionante, ci lavorava come cameriere per cui ho rivissuto con lui l’emozione di tornare indietro in un sogno.
Castelli di Toscana
Appena varcato l’ingresso sotto il torrione centrale,  un ampio corridoio che conduce al giardino posteriore, ci introduce alla reception al lato della quale si trova la prima sala, quella Degli Specchi, ormai però spoglia della sua particolarità, in cui si svolgevano importanti riunioni di lavoro.
Castelli di Toscana

Si sale al piano superiore dove risiede la parte monumentale di tutto il complesso che fu di proprietà degli Ximenes d’Aragona dal 1605 e poi passato alla famiglia dei Panciatichi nel 1816 che con Ferdinando trasformò la struttura come è ancora oggi.

Si entra nel tempio del Non Plus Ultra come recita una scritta su di una parete, ammiro stupito le varie sale che la guida ci sta descrivendo: la sala degli Amanti, delle Stalattiti, dei Pavoni, dei Bacili Spagnoli tutte molto particolari e percorrendole si ha l’impressione di fare un viaggio nel tempo da quanto sono diverse fra di loro ma magicamente accostate.
Castelli di Toscana

Questa particolare bellezza è stata apprezzata anche dal cinema infatti il Castello tra la fine degli anni settanta ed i primi anni ottanta è stato il set di tanti film tra cui voglio ricordare “Sono un Fenomeno Paranormale” di Alberto Sordi e “L’Incredibile Hulk”, inoltre è stato il soggiorno ideale di tanti personaggi famosi.

Castelli di Toscana

La sala più bella e rappresentativa è sicuramente la Sala Bianca, minuziosamente decorata, è stata in passato teatro di tante cerimonie esclusive; al piano superiore vi si trova il ballatoio che introduce alle suite allora arredate tutte in modo esclusivo, proseguendo poi, un altro ballatoio ci introduce alla bellezza di soffitti particolareggiati con decorazioni uniche illuminate dalla luce filtrata di vetrate colorate.

Castelli di Toscana
Grazie alla gentilezza di un custode abbiamo potuto continuare, in modo ancora più esclusivo, la nostra visita al terzo piano dove erano collocati i locali macchine della struttura ed il reparto lavanderia, li si trova una targa in marmo che testimonia il progetto di costruzione del torrione centrale da parte del Marchese Ferdinando Panciatichi.
La sorpresa più bella però è stata quella di salire fino in cima al Castello, sulla terrazza dell’orologio, da dove si è potuto ammirare una magnifica vista sul prato frontale e su tutta la vallata…. uno spettacolo unico!
Castelli di Toscana
Ecco la mappa per sapere dove si trova:

 

About the author

Sandro Fabrizi

Mi piace raccontare quella parte di Toscana in cui vivo da sempre: il Valdarno Superiore, se vi va lasciatevi ispirare.

25 Comments

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi