Alle porte del Chianti Luoghi da vedere

Suggestioni dalle ex miniere

Scritto da Sandro Fabrizi

Nelle fredde ed annebbiate mattine d’inverno è spettacolare percorrere la Strada Provinciale delle Miniere che da Castelnuovo dei Sabbioni scende a valle verso Santa Barbara e già dal cavalcavia  è veramente suggestivo vedere sulla destra il vecchio borgo in primo piano con dietro uno scenario fantastico tra le foschie che s’innalzano dal lago e la centrale termoelettrica che sbuffa in lontananza.
Proseguo la discesa mentre colgo un’altra fantastica cartolina dalla frazione di Meleto distesa su di un colle che emerge nella marea nebbiosa; la strada intanto continua a scendere sfiorando l’ex bacino minerario di Santa Barbara ormai chiuso dal 29 marzo 1994 quando terminarono le estrazioni di lignite,  il territorio qui ha subito profonde alterazioni e con il dissolversi della nebbia offre una veduta quasi apocalittica.
Mi soffermo sul bordo della strada mente lo sguardo si perde in quel deserto sconfinato, di proprietà dell’Enel e rigorosamente off-limits, che dalla zona industriale di Bomba lambisce il Lago di San Cipriano fino ad arrivare in prossimità di Gaville mentre là in mezzo sono ancora presenti resti di  macchinari e nastri trasportatori, sembra tutto così spettrale quasi a ricordare i tanti sacrifici di tutti coloro che ci hanno lavorato.

About the author

Sandro Fabrizi

Mi piace raccontare quella parte di Toscana in cui vivo da sempre: il Valdarno Superiore, se vi va lasciatevi ispirare.

Lascia un Commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi