La valle dell'Arno Musei

Il Museo Paleontologico di Montevarchi: alle origini del Valdarno

Scritto da Sandro Fabrizi
 Chi vuol conoscere le origini del Valdarno Superiore, cuore della Toscana, deve assolutamente fare una visita al Museo Paleontologico di Montevarchi (Ar) che rappresenta davvero una finestra aperta sul nostro passato. Appena entrati c’è subito a dare il  benvenuto l’enorme scheletro di mammut con le sue gigantesche zanne, soprannominato “Gastone l’Elefantone“, davanti al quale è d’obbligo una foto ricordo.

Qui il visitatore qui ha la possibilità di fare un vero e proprio viaggio indietro nel tempo quando questa zona era ricoperta dalle acque del lago Pliocenico e successivamente abitata da animali tipici della savana come elefanti, ippopotami e tigri.

I reperti all’interno sono circa 2600, tra fossili animali e vegetali, alcuni dei quali risalgono anche a tre milioni di anni fa, quasi tutti ritrovati nelle campagne del Valdarno.

L’area del Valdarno infatti è uno dei siti più importanti del mondo per quanto riguarda il ritrovamento di fossili animali, agevolati anche dagli scavi eseguiti il secolo scorso nell’ex bacino minerario di Castelnuovo dei Sabbioni (Ar) come testimonia anche il Museo delle Miniere che si trova proprio li.
La grande quantità di ritrovamenti, fatti  anche casualmente da singoli contadini nelle loro campagne, ha consentito lo spostamento di alcuni reperti anche al Museo Paleontologico di Firenze in quanto qui non hanno potuto trovare posto per motivi di spazio.

 

 

Ma il Museo Paleontologico di Montevarchi ospita al suo interno anche altri tesori come la Biblioteca dell’Accademia Valdarnese del Poggio, nata nei primi anni dell”800 a Figline Valdarno e successivamente trasferita qui, vero patrimonio culturale della zona in cui si trovano veri e propri cimeli come ad esempio un manoscritto di Giovanni Boccaccio del XV secolo.
Arricchiscono il museo l’Audioteca con una collezione di oltre diecimila dischi in vinile di musica classica, jazz e opera; la sezione archeologica ed una moderna biblioteca aperta a tutti in cui si possono approfondire le conoscenze di questo territorio.
L’ultima stanza del museo è dedicata ai ritrovamenti più recenti, avvenuti nel 2001 nella zona di Bucine (Ar), dove sono riemersi resti di un grosso pachiderma e strumenti litici usati dall’uomo per la caccia risalenti a 120.000 anni fa.

All’uscita c’è anche un fornito bookshop per approfondire la conoscenza del museo e dell’intero territorio del Valdarno.

Se volete vederlo con i vostri occhi il museo ecco gli orari:
– dal giovedi alla domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00.
E’ anche possibile prenotare visite guidate telefonando a questo numero: 055 98 12 27.
Il biglietto d’ingresso costa 6,00 euro.
Maggiori informazioni le trovate sul sito ufficiale, sotto la mappa per sapere dove si trova.

About the author

Sandro Fabrizi

Mi piace raccontare quella parte di Toscana in cui vivo da sempre: il Valdarno Superiore, se vi va lasciatevi ispirare.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi