Informazioni La valle dell'Arno

Il Forestello: un’area verde tutta da scoprire

Scritto da Sandro Fabrizi

Un giro a piedi al Forestello, vasta area verde a due passi da San Giovanni Valdarno, tutta da scoprire e meta ideale di piacevoli escursioni.

Camminate nel Valdarno

Il Forestello sembra un’oasi verde inaspettata per chi ci si avventura per la prima volta. Si perché da fuori non ci si immagina la sua vastità e bellezza, nonostante si trovi a breve distanza da San Giovanni Valdarno e a due passi dalle frazioni di Cetinale e Porcellino.

Un pò di storia

Per apprezzarne tutta la sua particolarità bisogna tornare indietro di qualche anno. L’intera zona del Forestello come si presenta oggi, è il frutto di sconvolgimenti territoriali causati dall’uomo. Infatti tra gli anni 1958 e 1994, quando nella vicina zona mineraria di Cavriglia veniva estratta la lignite “a celo aperto”, gran parte delle terre di scavo vennero portate qui.  Prima di allora il suo territorio era diverso da come lo vediamo oggi. C’erano tre valli con casolari e poderi di contadini:  Forestello, Vincesimo e Morbuio. Oggi non si riconoscono più come tali, riempite da milioni di metri cubi di terra. Esiste un unico altopiano che regala scorci paesaggistici inaspettati, dentro una campagna sterminata.

Da qui, spicca come un faro la cortina di fumo della vicina Centrale di Santa Barbara, ormai convertita a metano da diversi anni, ma che ancora oggi sembra ricordarci le origini della zona.

Panorama Forestello

Visita al Forestello

Il modo migliore per visitarla è a piedi, magari insieme ad altri camminatori. C’è un sentiero ad anello lungo circa 13 chilometri (il sentiero Cai 101) che attraversa tutta la zona, tra boschetti ed ampie pianure, i pochi dislivelli che s’incontrano sono modesti e si possono fare in tutta tranquillità. Gran parte di questo territorio è di proprietà dell’Enel, è comunque consentito il passaggio a piedi.

Sentiero del Forestello

Dopo essere arrivati sull’altopiano, la visuale si apre su entrambi i lati con scorci esclusivi sulle vicine colline del Chianti e sulla montagna del Pratomagno. In uno di questi affacci l’occhio cade subito sul giallo delle Balze del Valdarno, quelle dellacqua zolfina a Castelfranco di Sopra (Ar), in una visuale inconsueta.

Balze da lontano

Man mano che il sentiero entra tra la vegetazione più fitta, con meraviglia si possono vedere da vicino pinnacoli di Balze anche qui. Può sembrare strano ma quei depositi di argilla, sabbia e ghiaia si trovano in molti siti della vallata, non solo alle pendici del Pratomagno.

Nelle zone più aperte, con meno vegetazione arborea, la visuale spazia a 360° nella bellezza di questa campagna. In una collina più vicina si riconosce bene la zona di Pavelli, sopra Figline Valdarno. A tratti sono ancora ben visibili avvallamenti del territorio,risparmiati dalle terre di scavo.

In un passato più recente sono stati fatti esperimenti di rimboschimento ed opere di drenaggio da parte dell’Istituto Sperimentale per la Selvicoltura di Arezzo, in collaborazione con l’Enel, per riqualificare la zona. Oggi purtroppo sembra tutto un pò lasciato a se stesso, è un vero peccato visto le sue potenzialità.

Informazioni utili

Per chi vuole farsi una passeggiata nell’area verde del Forestello, visitate il link del sentiero Cai n°101.
Il punto di partenza è dal parcheggio di Piazza Nasoni al Porcellino.

Ai margini si trova anche il canile Enpa Valdarno ed una pista da motocross. La parte più a sud invece si affaccia sul vicino Lago di San Cipriano.

About the author

Sandro Fabrizi

Mi piace raccontare quella parte di Toscana in cui vivo da sempre: il Valdarno Superiore, se vi va lasciatevi ispirare.
Per approfondimenti e richieste di collaborazione vai alla sezione CONTATTI

2 Comments

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

/* ]]> */

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi